Home

Il Vocabolario

Il Tesoro della Lingua Italiana delle Origini (TLIO) è un vocabolario storico dell’italiano antico, basato su tutta la documentazione disponibile a partire dal primo documento che si...

Leggi tutto...

Il Corpus Testuale

Il corpus testuale del Tesoro della Lingua Italiana delle Origini è la maggiore base di dati oggi disponibile riguardante la lingua italiana anteriore al 1375. Articolato in tre...

Leggi tutto...

Il Software

GATTO è un software lessicografico ideato e sviluppato da Domenico Iorio-Fili presso l'Istituto Opera del Vocabolario Italiano del CNR. Questo...

Leggi tutto...

Chi Siamo

L'Opera del Vocabolario Italiano è l'Istituto del CNR che ha il compito di elaborare il Vocabolario Storico Italiano. Ha sede a Firenze presso l'Accademia della Crusca.

Attualmente l'OVI elabora e pubblica in rete il Tesoro della Lingua Italiana delle Origini (TLIO), che è la parte antica del Vocabolario Storico Italiano, e il Corpus testuale dell'Italiano Antico. Produce inoltre e mette a disposizione degli studiosi software lessicografico avanzato.

È membro fondatore della Federazione Europea delle Istituzioni Linguistiche Nazionali - EFNIL.

È membro fondatore del Centro di Linguistica Storica e Teorica: Italiano, Lingue Europee, Lingue Orientali – CLIEO.

È membro fondatore della sezione italiana dell'European Research Infrastructure Consortium DARIAH-ERIC (Digital Research Infrastructure for the Arts and Humanities) - DARIAH-IT.

 

Nuova versione del Corpus Artesia

12-01-2018 Notizie dal vocabolario

È stata pubblicata la nuova versione del Corpus Artesia - Archivio Testuale del Siciliano Antico, aggiornata al 21 dicembre 2017. La principale novità di questo aggiornamento, che completa quanto già[...]

Leggi tutto...

ESCE IL «BOLLETTINO» 2017

14-12-2017 Notizie dal vocabolario

È uscito il volume 22 (2017) del «Bollettino dell'Opera del Vocabolario Italiano», Oltre alla consueta scelta di nuove voci del TLIO, quest’anno il BOVI contiene alcune edizioni di testi (un volgarizz[...]

Leggi tutto...

È ON LINE IL SITO WEB DEL VOCABOLARIO DANTESCO

06-12-2017 Collaborazioni

Il Vocabolario Dantesco, promosso dall’Accademia della Crusca e dall’OVI, apre il suo sito web, dove si troveranno tutte le informazioni sugli obiettivi del progetto, l’andamento dei lavori, la redazi[...]

Leggi tutto...

PUBBLICATI GLI ATTI DEL CONVEGNO DIVO

29-11-2017 Notizie dal vocabolario

Nella collana dei «Quaderni del Bollettino dell’Opera del Vocabolario Italiano» esce il volume che raccoglie i contributi presentati nel febbraio 2016 al convegno organizzato all'OVI per la conclusion[...]

Leggi tutto...

CONVEGNO INTERNAZIONALE SU OVIDIO NEL MEDIOEVO

29-11-2017 Notizie dal vocabolario

L'OVI collabora con l'Université Catholique de Louvain e con l'Université Libre de Bruxelles all'organizzazione di un convegno sul tema "Traire de latin en romans les fables de l’ancien temps. Traduir[...]

Leggi tutto...

IN RICORDO DI MAX PFISTER

24-10-2017 Notizie dal vocabolario

Max Pfister, uno dei grandi maestri della filologia e della linguistica romanza, ci ha lasciato improvvisamente il 21 ottobre. Aveva compiuto in aprile 85 anni, e ai festeggiamenti organizzati per l’o[...]

Leggi tutto...

Aggiornamento di GATTO a una revisione successiva

L'aggiornamento presuppone che si disponga già di una copia installata e funzionante di GATTO 3.3.
Per conoscere versione e revisione della copia di GATTO di cui si è in possesso, utilizzare il menu Versione posto nella finestra iniziale del programma.

L'aggiornamento si effettua scaricando la nuova versione di alcuni file di GATTO e inserendo questi ultimi nella directory di GATTO, in sostituzione dei file già presenti.

 

Scarica aggiornamento (circa 1 MB)

Una volta scaricato il file "UPGATTO.EXE":

  1. portarsi nella directory in cui è stato scaricato UPGATTO.EXE ed eseguirlo,

  2. nella finestra che appare indicare la directory che contiene attualmente il programma GATTO,

  3. cliccare su "Unzip" per effettuare l'aggiornamento,

  4. cliccare su "Close" per terminare.

Manuale di GATTO

Poichè la maggior parte degli esempi riportati nel manuale fa riferimento al corpus dimostrativo Demo, è consigliabile disporre anche di quest'ultimo.

 

Note di installazione
Il manuale può essere collocato nella directory che si desidera.

Scarica il manuale nel formato desiderato: Word 97 (800 KB) RTF (1600 KB) PDF (1400 KB)

Una volta prelevato il file "GATTOMANxxx.EXE" portarsi nella directory in cui è stato scaricato (può essere una directory qualunque, non necessariamente quella in cui andrà collocato il manuale) ed eseguirlo (xxx può essere W97, RTF o PDF).

Registrazione software

 

Nome: * necessario
Ente o Società di appartenenza
E-Mail:
In relazione al Dlgs 30.06.2003 n. 196 recante codice in materia di protezione dei dati personali, informiamo che questi saranno conservati e utilizzati esclusivamente per dare all'Istituto Opera del Vocabolario Italiano informazioni sulla diffusione del programma .
Chiunque può chiedere in qualsiasi momento di verificare, correggere o cancellare i dati che lo riguardano.
Titolare del trattamento e' il Consiglio Nazionale delle Ricerche.
L'incaricato del trattamento e' il sig. Andrea Boccellari.

Corpus dimostrativo Demo

Il corpus dimostrativo Demo ha un doppio uso, in quanto serve in generale come strumento per sperimentare le possibilità e i limiti funzionali di Gatto ma è anche frequentemente utilizzato nelle lezioni contenute nel manuale; la maggior parte degli esempi di quest'ultimo si basa proprio su Demo. Per questo motivo può essere opportuno scaricarlo anche se si ha una certa dimestichezza con GATTO.

 

Scarica corpus Demo (circa 7 MB)

Una volta prelevato il file "INST_DEMO.EXE" portarsi nella directory in cui è stato scaricato (può essere una directory qualunque) ed eseguirlo.

Installazione di GATTO

Prima dello scaricamento del programma viene richiesto all'utente di registrarsi. Come detto, l'uso del programma è gratuito e questa operazione ha il solo scopo di dare all'Istituto Opera del Vocabolario Italiano informazioni sulla diffusione del programma.

Se l'installazione ha luogo in ambiente operativo Linux l'utente deve verificare la presenza nel sistema dell'applicativo Wine (versione 0.9.49 e successive) e del font MS Courier New.

Scarica GATTO (circa 7 MB)

Una volta prelevato il file "INST_GATTO.EXE" portarsi nella directory in cui è stato scaricato (può essere una directory qualunque, non necessariamente quella in cui andrà installato GATTO) ed eseguirlo.

 

Note di installazione

  • Per installare GATTO nei sistemi operativi NT (NT 4.0, 2000, XP) e' necessario avviare la procedura sopra elencata dall'account "administrator" o da altro account di pari privilegi amministrativi.

  • La cartella di destinazione suggerita, 'C:\Programmi\Gatto', non e' obbligatoria e volendo si puo' installare il programma, ad esempio, nella cartella 'D:\Paperino'.

  • Se nella stessa cartella e' presente una precedente versione del programma è consigliabile deinstallare preventivamente la precedente versione di GATTO o, quantomeno, cancellare preventivamente tutto il contenuto della cartella in cui ha luogo la sostituzione con la nuova versione.

  • Se nel PC sono presenti file di sistema di versione troppo vecchia, il programma di installazione proporra' di aggiornarli. In quel caso il PC andra' riavviato e, al termine, la proocedura di installazione di GATTO dovra' essere eseguita una seconda volta per essere completata.

  • "Do you want to keep this file?" Questa domanda viene presentata più volte nel corso dell'installazione. Rispondere sempre "YES".

  • Problemi di installazione con Windows XP o 2003, relativi ai file cscmd32.ocx e cstext32.ocx. Se l'installazione fallisce e vengono segnalati errori relativi a questi due file, ripetere l'installazione con la seguente procedura: alla domanda "Do you want to keep this file?" rispondere "NO" per i file cscmd32.ocx e cstext32.ocx; rispondere "YES" per tutti gli altri.

Dove Siamo

Firenze, via di Castello 46 (CAP 50141)
tel. +39 055 452841 - fax +39 055 452843
e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.