maps-texts-and-words-in-early-italian-it

Tra febbraio e aprile 2017, si è tenuta la seconda serie di seminari, ospitati in videoconferenza dal Programma di Studi Italiani della University of Notre Dame con la collaborazione dell’OVI. I seminari sono stati centrati su temi relativi allo studio dell’italiano antico, quali: la Commedia dantesca, la rappresentazione geografica dei dati linguistici, la produzione e la circolazione dei manoscritti nella Toscana del XIV e XV secolo. Hanno partecipato come relatori: Marcello Barbato (L'Orientale, Napoli), Cristiano Lorenzi Biondi (OVI), Theodore J. Cachey Jr. (University of Notre Dame), Mariafrancesca Giuliani (OVI), Paolo Squillacioti (OVI) e Giulio Vaccaro (OVI).

Giovedì 9 febbraio

Cristiano Lorenzi Biondi e Barbara Fanini: "Introduzione al Vocabolario Dantesco: impostazione e primi risultati" Il seminario si propone di illustrare le caratteristiche principali del Vocabolario Dantesco, realizzato in collaborazione dall'Opera del Vocabolario Italiano e dall'Accademia della Crusca, presentandone alcune schede.

Al video

Giovedì 23 febbraio

Theodore J. Cachey Jr.: "La Commedia come 'mappamundi' "

Se il tropo di definire la Commedia una sorta di mappamondo è un luogo comune, penso tuttavia che sia giusto dire che gli studi danteschi debbano ancora pienamente esplorare le implicazioni della nuova storia della cartografia per come potrebbe far luce su Dante come autore cartografico, e che ci siano significative scoperte ermeneutiche ancora da fare da questo punto di vista.

Al video, parte prima, parte seconda

Giovedì 16 marzo

Mariafrancesca Giuliani: "Lo spazio delle parole del TLIO"

Si discuterà dello spazio delle parole del TLIO, valutando come, se e in quali forme il vocabolario possa essere il repertorio di riferimento per un archivio lessicale organizzato in una prospettiva geolinguistica. Si discuterà, inoltre, di interazioni e intersezioni con progetti lessicografici orientati all'esame storico-etimologico del lessico di specifiche varietà locali e regionali.

Al video

Giovedì 23 marzo

Marcello Barbato: "Verso un atlante grammaticale della lingua italiana delle origini"

Come rendere usufruibile la base di dati dell'OVI per ricerche di tipo non solo lessicale ma anche storico-grammaticale? Come ottenere un'informazione rapida, mettiamo, sugli esiti di GN latino o sul paradigma del futuro nei volgari antichi? A queste domande cerca di rispondere il progetto di un Atlante grammaticale della lingua italiana delle origini.

Al video

Giovedì 6 aprile

Giulio Vaccaro: "La cultura volgare nei conventi fiorentini tra Tre e Quattrocento" Tra il 1767 e il 1866, i manoscritti conservati presso i conventi e i monasteri dell'area fiorentina furono trasferiti presso le due principali biblioteche della città: la Magliabechiana e la Laurenziana. La presenza di dettagliati registri d'incamerazione, la conservazione dei materiali in fondi autonomi e l'abbondante documentazione di inventari antichi consente di ricostruire in modo estremamente dettagliato quale fosse la circolazione di manoscritti in volgare nei conventi e nei monasteri.

Al video

Giovedì 27 aprile

Paolo Squillacioti: "Variazioni testuali in un manoscritto senese del Tesoro volgare (Laur. Pl. XLII 22)"
Il ms. Pl. XLII 22 della Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze tramanda un volgarizzamento senese del primo libro del Tresor di Brunetto Latini: una versione a sé stante dell'opera, poco utile perciò per la ricostruzione del testo critico, ma per varie ragioni molto interessante.

Al video